Scuadra supporta il cambio di prospettiva, l'evoluzione del posizionamento e l’approccio diversificato come generatori di innovazione.


PIANIFICAZIONE & CONTROLLO DI GESTIONE: caro imprenditore, come guidi la tua auto?


Pubblicato il 30.01.20 da Scuadra

Guidereste la vostra macchina senza avere una direzione? E senza poter controllare la velocità ed il livello del carburante? Magari dovendo convincere dei vostri cari amici a farvi compagnia e restare con voi a bordo?

Probabilmente in molti (forse tutti!) risponderemmo di no. Eppure, molti imprenditori gestiscono le proprie aziende ed i propri collaboratori senza alcuna guida e senza informazioni utili sulle proprie attività (i propri processi interni).

Ed ecco perché è importante introdurre in azienda un sistema di pianificazione e controllo di gestione (P&C).

Nell’attuale contesto competitivo caratterizzato da una concorrenza pressante e da margini sempre più risicati, la direzione di un’azienda necessita di informazioni per poter prendere le decisioni corrette e perseguire la propria strategia. Il primo passo per migliorare i propri risultati è comprendere come si costruiscono, così da poter agire sulle variabili determinanti.

È importante ricordare che non può esistere un buon controllo senza la gestione (posso controllare quello che gestisco). Pertanto, in questo articolo non parleremo di budget, di contabilità analitica, di calcolo del costo prodotto, di Ebitda né di break even point, ma ci focalizzeremo sulle caratteristiche fondamentali che deve avere un sistema di P&C per essere efficace.

Ne elenchiamo 4 in particolare:

1) In primis il sistema deve essere opportunamente calato nella singola realtà aziendale, tenendo conto della struttura dell’impresa (piccola, media, grande) e della tipologia di attività: le logiche e gli strumenti sono differenti a seconda che ci si trovi ad operare in un’azienda commerciale, di produzione (su commessa o per processo), di servizi o in uno studio professionale.

2) Un sistema di P&C deve basarsi sulla misurazione di dati. Dati oggettivi e tempestivi, disponibili in tempi rapidi; meglio un dato grezzo ma attendibile, che un dato”brillantinato” che arriva sempre in ritardo e non ha utilità!

3) Il sistema deve essere snello, veloce, ovvero permettere alle persone di ricavarne informazioni utili su processi e prodotti senza compiere rielaborazioni infinite del dato e sfruttando al massimo gli attuali strumenti tecnologici/digitali (software erp, Mes, etc..).

4) Infine, il controllo di gestione deve contribuire alla cultura del miglioramento: deve essere dentro ai processi e non fermarsi al dato a consuntivo che il sistema rileva. Un controllo di gestione efficace deve stimolare le persone a ragionare sulle cause che portano a certi risultati, a mettere in discussione le proprie abitudini, ad applicare il metodo PDCA (plan-do-check-act) per eliminare gli sprechi evidenziati dal sistema di P&C.

Quest’ultimo punto è fondamentale: quando la cultura del controllo si sposta verso la cultura del miglioramento, il sistema di P&C aiuta l’azienda ad apprendere e permette alle persone di crescere professionalmente.

Se anche tu guidi l’auto con coscienza e sei interessato ad approfondire queste tematiche, contattaci pure. Saremo felici di incontrarti per ragionare sulla tua realtà e sulle tue esigenze organizzative!

“Il controllo di gestione è il processo attraverso il quale i manager inducono gli altri membri dell’organizzazione ad attuare le strategie dell’azienda” prof. Robert Anthony (Harvard Business School).

 


Tags: Controllo di gestione

Condividi tramite:


Lascia un commento


Per lasciare un commento devi essere collegato con il tuo profilo.


Commenti

Al momento non è presente alcun commento.


Copyright © 2020 - Rete Scuadra
Privacy Policy
Credits