Scuadra supporta il cambio di prospettiva, l'evoluzione del posizionamento e l’approccio diversificato come generatori di innovazione.


La protezione del Know How aziendale. Perché è importante e come metterla in pratica in maniera efficace?


Pubblicato il 24.05.19 da Scuadra

Nel precedente articolo (vedi “La protezione del know how aziendale”) l’attenzione si è posta sui principali cambiamenti introdotti con il D.Lgs 63/2018 e sull’importanza e il valore da riconoscere al know how nel mercato attuale.

Si fa riferimento al know how per indicare l’insieme di conoscenze, abilità e competenze necessari per svolgere una determinata attività che hanno un valore per l’azienda (utilizzo di una particolare tecnologia o di un macchinario, svolgimento di una professione, ecc..), tra questi elementi si possono individuare:

  • processi di produzione,
  • procedure o istruzioni aziendali,
  • le banche dati con liste di clienti e fornitori,
  • dati aziendali relativi a costi di produzione, prestazioni dei lavoratori…
  • i sistemi utilizzati per determinare i prezzi e gli sconti,
  • le strategie di marketing impiegate per le scelte commerciali e gli strumenti pubblicitari.

Queste informazioni fanno la differenza garantendo all’impresa un maggior grado di competitività rispetto alle imprese concorrenti e risultano essere determinanti in termini di efficienza ed efficacia sul mercato.

Come fare affinché queste informazioni non siano utilizzabili da parte di terzi?

È necessario che diventino “segreto commerciale” (art.98 D.Lgs 30/2005) e che rispettino quindi i seguenti requisiti:

  • abbiano valore economico,
  • siano segrete e non accessibili a tutti,
  • siano protette da adeguate misure di sicurezza volte a mantenere la segretezza.

Le informazioni rilevanti devono essere individuate e classificate, è necessario, poi, tutelarle tramite strumenti adeguati alla realtà lavorativa ed aziendale.

Per poter individuare i sistemi di protezione più idonei è necessario effettuare un’analisi della situazione aziendale per valutare le risorse esistenti, organizzative e tecnologiche e pianificare l’introduzione delle misure necessarie. In generale è possibile enucleare tre tipologie di misure di sicurezza, ovvero

  • ORGANIZZATIVE: utilizzo di clausole di riservatezza e l’adozione di protocolli interni finalizzati alla protezione delle informazioni
  • FISICHE: definizione di luoghi di conservazione della documentazione riservata che siano difficilmente accessibili 
  • TECNICHE/INFORMATICHE: utilizzo di sistemi informatici adeguati.  

Intervenire per la tutela del know how rappresenta indubbiamente un investimento che può fare la differenza in un mercato che si dimostra sempre più competitivo.


Tags: Know How, Innovazione

Condividi tramite:


Lascia un commento


Per lasciare un commento devi essere collegato con il tuo profilo.


Commenti

Al momento non è presente alcun commento.


Copyright © 2019 - Rete Scuadra
Privacy Policy
Credits